Si..può..fa-re! In 5 utili tabelle una check-list per la manutenzione generale della bici elettrica

Aggiungi la tua opinione

Testo: si capisce bene e informa adeguatamente?: 100% - 1 voti
molto
Informazioni e dati: chiari e di valore?: 100% - 1 voti
ottimo
Note & fonti: utili ed accessibili?: 100% - 1 voti
ottimo
Testo: si capisce bene e informa adeguatamente?: 100% - 1 voti
molto

è il gradimento di dati, note & info di questo testo

Il gradimento in % di questo testo sintetizza la media dei voti che ha racccolto finora. 100 su 100 (100%) significa massimo gradimento. Un voto, da 1 a 100, si assegna alle singole voci qui a destra, passando il puntatore del mouse o del touchpad o il dito sulle icone dei pollici alzati. Grazie in anticipo, se volete anche voi dire la vostra:)! https://madeingaia.it/it/madeingaia/in-contatto

bikefevercourtesyCourtesy: bikefever.it

Venezia, Terraferma | Estate 2021

Dici elettrica, dici e-bici!
E, allora, detto, (forse: dipende da quanto siamo disposti a sborsare!), fatto: bici elettrica pagata, chiave per mettere sotto tensione batteria, motore e drive consegnata e, finalmente, tutti in sella! Magari non alla bersagliera...

Da quel momento, pedala oggi, pedala domani, i giorni e le notti, di ricarica, si susseguono: e la e-bici comincia a “slegarsi” come dicevano un tempo, ma forse anche oggi, i meccanici delle biciclette della nostra trapassata adolescenza.
Tutto fila come l’olio, finché un bel giorno vi accorgete che la vostra gloriosa e-bici pagata mille o duemila euro (incentivi o no, fa niente) non frena più come una volta; che quel rumorino prima il cambio non lo faceva; e, se siete proprio una, o uno, veramente fighi, che la ruota posteriore si sta consumando molto più in fretta di quanto pensavate….

A questo punto, giustamente, credete che sia arrivata l’ora di fare un po' di manutenzione. O meglio, di farla fare seriamente a chi se ne intende. Ed, in effetti, siete sul pezzo perché avete proprio ragione.

I passi per una corretta manutenzione non sono poi molti, ma vanno fatti ad intervalli regolari. Qui li abbiamo raccolti in cinque tabelle che danno un primo quadro d'insieme degli interventi sulla ciclistica e sull'elettronica, lasciando il come di ogni intervento a chi lo fa di professione.

e-bici: più peso = più usura. Dunque, manutenzione regolare. Sempre.

Surreale lo è di sicuro, ma può aiutare a capire meglio perché la manutenzione di una e-bici è doppiamente importante.

Allora provate ad immaginare: durante la notte siete ingrassati di colpo di sei o sette chili e, manco a farlo apposta, giusto che stamattina dovete andare al lavoro pedalando sulla vostra vecchia bici non elettrica, siete pure in ritardo.

Ovviamente non siete nella "Metamorfosi" di Kafka, e non avete preso un solo grammo in più: il punto è che, lasciamo da parte il discorso del motore che vi illuderà di pesarne 10 di meno (e di avere vent’anni di meno ;)), comunque la si metta, la massa di una e-bici rimane sempre superiore a quella di una bici muscolare.

Ed in effetti, il maggior peso della bici e la doppia potenza che ci mettete (la vostra più quella del motore) hanno conseguenze non trascurabili sulla stabilità delle prestazioni  (e della sostenibilità) di una bici elettrica per tutto il tempo che la vorrete accanto. Ed ecco anche perchè qualunque intervento di manutenzione ha un suo prerequisito nel controllare innanzitutto che sull’intera bici non ci siano segni di fatica dei materiali e che la corrosione non abbia compromesso il telaio.

Già da queste semplici considerazioni si evince che manutenzione ordinaria e assistenza in una e-bici sono fondamentali.

Qui di seguito, seguendo le traccie di buon libretti di manutenzione delle e-bici proposti da Italwin e Lombardo, di alcuni articoli tecnici pubblicati su riviste del settore e della propria personale esperienza, trovate una sorta di check-list di quali parti della bici elettrica vanno controllate nell'arco di 12 mesi come minimo (o anche più spesso se usate molto intesamente la e-bici) e pure qualche perché (il come, già detto, lo lasciamo ai tecnici, per favore :). Che,infine, le gomme debbano essere sempre gonfie al punto giusto, per fare meno fatica e risparmiare energie, compresa quella elettrica, questà è la regola prima di ogni uscita.

Ruote sempre ben piantate a terra

Freni in prima classe

Cambio, l'armonia dei rapporti

Sterzo, sospensioni e sella: pedalare morbido e preciso

Motore, batteria e luci della città

Manutenzione del pilota: specchio e casco

Prova e collaudo su strada

 

_____________________________________________

 Ruote con i piedi per terra

Ruote, cerchi, raggi e mozzi: cosa si controlla, cosa si fa
   

Cosa si controlla

Cosa si fa, nel caso

 

✓ Ruote

controllo corretto fissaggio delle ruote al telaio

serraggio bulloni / sganci rapidi

 

✓ Ruote

controllo della corretta centratura

regolazione fine dei raggi

 

✓ Cerchi

ispezione controllo usura

sostituzione cerchi danneggiati

 

✓ Raggi

ispezione per controllo usura

regolazione o sostituzione raggi rotti

 

✓Copertoni

controllo livello usura

sostituzione copertone usurato e camera d'aria

cerchio fir bolder ebikeCredit: fir.itNo, non nel senso che sono bucate. Ruote con i piedi per terra, ma proprio perché sono l’unico punto di contatto tra bici e strada. E fanno la differenza tra una bice instabile ed una che invece tiene bene la strada, consuma meno energie, compresa quella elettrica, ed è ben frenata.

Ergo, come minimo devono essere sempre gonfie al punto giusto (la pressione max è scritta sul bordo del pneumatico) e il battistrada deve comunque esserci (non siamo a Jerez de la Frontera): ad occhio e a spanna meglio controllare ogni tanto che la gomma non sia corruscata o presenti anomali rigonfiamento, oltre, ovviamente, ad essere ben centrata.

Anche raggi e cerchione devono essere controllati, come del resto i mozzi e gli agganci ai foderi del telaio della e-bici. Questo specialmente se la bici ha il motore sul mozzo posteriore ( anteriore è più raro, ma esiste) richiede l’intervento di uno specialista. Punto e basta.

Nel qual caso → di corsa in officina, possibilmente con bici a mano.

 

_____________________________

Freni in prima classe 

cosa si controlla e cosa si fa
 

Cosa si controlla

Cosa si fa, nel caso

✓ Freni a disco meccanici / idraulici

controllo grado di usura pattini o pastiglie

sostituzione pattini o pastiglie usurati

✓Freni a disco meccanici

controllo cavi

sostituzione cavi

✓ Freni a disco idraulici

controllo livello olio

sostituzione/rabbocco olio freni

✓ Freni a disco meccanici / idraulici

controllo guaine o tubi

sostituzione guaine o tubi

✓ Freni a disco meccanici / idraulici

controllo viti

serraggio viti / bulloncini pistoni / pattini

✓ Freni a disco meccanici / idraulici

controllo leve

serraggio viti leveraggi

 

freni a disco maguraCredit: magura.comDa una massa maggiore deriva una maggiore responsabilità per i freni. Che, non a caso in una e-bici non fatta con i piedi, sono tendenzialmente a disco.

E se quando eravamo bambini i pattini dei freni magari non li cambiavamo mai se non dopo aver scavato il cerchione, meglio non ripetersi vent’anni o trent’anni dopo. In una moderna e-bici, le pastiglie vanno cambiate dal vostro meccanico ed i freni vanno sempre regolati per mantenerli sempre alla massima efficienza ed efficacia

Davanti al nonnino mezzo cecato che vi si para davanti sulla ciclabile e resta immobile come un paracarro, provateci voi a frenare una bici che va ad oltre 20 km/ora, alle prime goccie di pioggia su strada estiva dopo tre settimane di siccità..

 

_____________________________________

Cambio, l'armonia dei rapporti

cosa si controlla,  cosa si fa
 

cosa si controlla

cosa si fa, nel caso

 

✓ Organi
 trasmissione

controllo giochi

pulizia / lubrificazione parti (pignoni, etc)

 

✓ Movimento centrale

controllo giochi/scorrevolezza catena

pulizia / lubrificazione / sostituzione parti

 

✓ Cambio

controllo cavi e comandi

lubrificazione / regolazione cavi e comandi

 

✓ Catena

controllo tensione

regolazione / sostituzione catena

 

✓ Sensore pedalata

ispezione

pulizia del sensore

 

✓ Pedivelle

ispezione

serraggio pedivelle ai pedali
e al movimento centrale

cambio shimano mozzoCredit: shimano.comSu una e-bici, il cambio lo userete molto più spesso.

Il motivo è che avete maggiore potenza sia quando partite che quando viaggiate e che vorrete spontaneamente ottimizzare il vostro sforzo (cioè, faticare il giusto ed andare più veloci di prima, ovviamente, specie su piccole salitelle).
Ergo, smanetterete di più con il cambio, anche per scalare al semaforo, sia in arrivo che in ripartenza, ( a meno che non abbiate la fortuna di poter acquistare una bici con cambio automatico che dialoga continuamente con il motore per trovare sempre il rapporto giusto..).

Da tutto questo si evince che la manutenzione periodica del cambio, cavi, deragliatore e comandi al manubrio e della catena è qualcosa di imprescindibile ad ogni sosta in officina.

_______________________________________

Sterzo, sospensioni e sella: pedalare morbido e preciso

Sterzo, sospensioni e sella: cosa si controlla, cosa di fa
   

cosa si controlla

cosa si fa, nel caso

 

✓ Sella al reggisella

controllo fissaggio

serraggio viti / sganci rapidi

✓ Reggisella al telaio

controllo fissaggio

serraggio viti e sganci

✓ Serie sterzo manubrio

controllo giochi

registrazione delle parti

✓ Manubrio

controllo fissaggio

serraggio corone

✓ Leve freni

controllo fissaggio

serraggio viti e dadi

✓ Cavalletto

ispezione

serraggio viti/bulloni e dadi

✓Portapacchi

ispezione

serraggio serraggio viti e dadi

 

Se avete la fortuna di avere una bici ammortizzata, non dimenticate di far sempre verificare che queste componenti siano regolate ed efficienti.

sella e zoneCredit: selleroyal.comL’ammortizzatore anteriore delle e-trekking va regolato sulla base del tipo di percorso che fate. Attenzione: più rigido è più preciso e reattivo lo sterzo, più basso l’assorbimento…Fatevi consigliare sempre da chi ha più esperienza e mestiere!

Resta il fatto che tutte queste componenti della e-bici devono sempre essere lubrificate e controllate, lo sterzo in primis, che deve essere privo di qualsiasi tipo di gioco e non fare mai rumorini strani quando lo girate..Infine, la sella che deve essere sempre stabile e fissa, e che va regolata una volta per tutte sulla vostra posizione ideale di guida…

_________________________________________

Motore, batteria e luci della città

Motore, batteria e luci della città: cosa si controlla e cosa si fa
   

cosa si controlla

cosa si fa, nel caso

 

✓ Batteria

ispezione alimentazione lato batteria e lato telaio

pulizia contatti

 

✓ Batteria

controllo fissaggio / contatto connessioni e cablaggi elettrici

pulizia / serraggio contatti

  ✓  Batteria

controllo con tester  

voltaggio corretto

sostituzione

 

✓Caricabatteria

controllo stato integrità cavi e connettore caricabatteria

serraggio

 

✓ Luci 

controllo luci anteriori e posteriori

sostituzione, se il caso

motoreebatteria poliniCredit: polini.comUna premessa generale: volete fare più km in elettrico? Peserete ancora un pò di più (almeno per qualche anno ancora)

Ancora una volta il punto più debole del passaggio alla mobilità elettrica è un compromesso inevitabile.

Infatti, la voglia di ricaricare meno spesso le batterie e fare più chilometri mantenendo sostanziose velocità di crociera tra una ricarica e l’altra si scontra con l’inevitabile aumento del loro peso.
Dunque, del peso totale della e-bici.
E, quindi, dell’ulteriore potenziale crescita della sua usura.

Quindi, direttamente o indirettamente, le batterie, più ancora del motore e dell’elettronica di controllo, sono davvero un elemento chiave anche della manutenzione.

Direttamente, perché no battery, non parti e pertanto bisogna obbligatoriamente tenerle in efficienza; indirettamente, perché contribuiscono a consumare più intensamente anche la parte ciclistica, dato il loro contributo al peso totale della e-bici.

Manutenzione del pilota: specchio e casco

zefal specchiocredit: zefal.comAggiungiamo, una seria considerazione sul motore umano della bici e della e-bici in particolare: non serviranno a niente tutte le cure che dedicheremo alla cara e-bici se prima non ci cureremo di noi stessi e degli altri quando la guidiamo. Cura che passa attraverso il rispetto delle norme del codice della Strada sia sulle ciclabili che fuori, e che si completa con l'uso di un casco decente e di uno specchietto . Sono pochi euro di spesa in più, ma fanno davvero la differenza in caso di imprevisti. Che per strada sono sempre nell'ordine delle cose :)

Prova e collaudo su strada

Una prova di pedalata intorno all'isolato per testare tutto quanto è stato regolato o sostituito è irrinuciabile. Dopo un tagliando fatela sempre e riportate immediatamente le vostre impressioni al meccanico/tecnico. Serve per mantenere voi aggiornati su quello che è stato fatto e su un buon livello il rapporto di fiducia con chi vi seguirà, se lo merita, anche nel prossimo.

 

 

 

 

 

Note e fonti
https://www.sportoutdoor24.it/sport/bici/manutenzione-della-e-bike/

https://www.motorbox.com/guide-pratiche/fai-da-te/guida-manutenzione-bici-elettrica-consigli-inverno

https://www.viagginbici.com/e-bike/e-bike-vi-insegniamo-la-manutenzione-fai-da-te/

e-mail & MadeinGaia
Author: Paolo Falcone | EditorWebsite: https://madeingaia.it/it/madeingaia/in-contattoEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Grazie per aver seguito il filo delle parole e delle immagini di MadeinGaia fino alla fine di questa storia di scelte sostenibili!

MadeinGaia.it è nata da un’idea di Paolo Falcone.

Analista dell'organizzazione del lavoro e marketing operation manager, Paolo è editor di MadeinGaia. Del sito coordina i contenuti, cura la raccolta e la classificazione delle fonti, le interviste e, quando possibile, fornisce anche le proprie impressioni di prima mano sui prodotti sostenibili.

Le immagini sul sito sono in parte acquistate da siti specializzati e in parte realizzate da MadeinGaia.


Print Friendly, PDF & Email