Paper From Our Echosystem, l’identità sostenibile delle carte di alta qualità firmate Favini

Qual'è la tua opinione?

Testo | Si capisce bene e informa adeguatamente?: 95.5% - 2 voti
molto
Informazioni e dati | Chiari e di valore?: 95% - 2 voti
ottimo
Note & fonti | Utili ed accessibili?: 100% - 2 voti
ottimo
Scheda | "Dove provare, dove acquistare": utile?: 100% - 2 voti
molto

è il gradimento complessivo di questo articolo

Il gradimento in centesimi di questo articolo rispecchia la media dei voti che ha racccolto finora. 100 su 100 (100%) significa pieno gradimento; un voto, da 1 a 100, si assegna alle singole voci qui a destra, passando il puntatore del mouse o del touchpad o il dito sulle icone dei pollici alzati. Grazie in anticipo, se volete anche voi dire la vostra:)! https://madeingaia.it/it/madeingaia/in-contatto

paperfromourechosystem FAVINI

English

Rossano Veneto, Vicenza | Italia
Autunno 2021

Una conferma: quando non c’è greenwashing, anno dopo anno un prodotto si arrichisce di nuovi contenuti che chiedono di farlo conoscere meglio e più a fondo.
Prendiamo un caso che ci viene dall'industria della carta in Italia, ad esempio.
Favini propone ormai da molto tempo carte di altissima qualità a basso impatto che non si accontentano più di essere definite solo “ecologiche” e che da oggi si presentano con una precisa identità sostenibile: Paper From Our Echosystem.

 

 “Echosystem”, perché?
A qualcuno potrebbe non essere sfuggito che in inglese si scrive ecosystem e non già echosystem. Si tratta di un errore di Favini? Non è così: la cartiera vicentina ha coniato un neologismo, unendo le parole inglesi Echo e System per ragioni di suono ma anche di significato pertinente
In Favini ci tengono a specificare che hanno scelto la parola ECHO perché ”si traduce con eco, ritorno sonoro, per sottolineare il forte interesse di Favini nell’economia circolare e quindi, anziché destinare alla discarica materie di scarto, di farle “ritornare” nella catena di creazione di valore”.
D’altro canto, “ecosistema in italiano, è un termine preso in prestito da Favini all’ecologia, che rappresenta un insieme di organismi e sostanze che creano un equilibrio dinamico in evoluzione con il contesto”. Proprio come le carte sostenibili Favini che in questi anni sono co-evolute in simbiosi con l’organizzazione del lavoro e della produzione a fronte di una domanda crescente di carte credibilmente a basso impatto ambientale ed alto impatto sociale.




Dal 2021, sotto l’egida di Paper From Our Echosystem, la cartiera vicentina offre infatti un completo bouquet di carte a basso impatto ambientale e sociale ideali per creare packaging di lusso e non solo.

Identificate da un marchio che permette di capire a colpo d’occhio che ci troviamo di fronte a prodotti con un credibile e buon livello di sostenibilità, le creazioni Favini siglate Paper From Our Echosystem rivelano la significativa biografia di una serie di carte sostenibili già nell’anima, che si producono a basso impatto e che sono destinate a creare nuovi inizi.

Carte con anime sostenibili

marchiopaperfaviniL’anima delle carte Paper From Our Echosystem Favini emerge nella qualità delle loro trame, che non solo sono in cellulosa FSC riciclata dal 40 al 100% ma anche in fibre alternative ricavate da materie prime seconde riciclate e persino upcycled da residui di lavorazioni industriali del settore alimentare e della moda.

In generale, si tratta di carte robuste e ottimamente lavorate, nelle quali l’anima sostenibile si sposa ad un touch and feel, ad una “mano” si direbbe in alta sartoria, pensato e realizzato apposta per restituire al tatto ed alla vista sensazioni capaci di evocare le materie di cui sono fatte.
Questo è il caso, per esempio, di Alga Carta, il primo passo di Favini nell’economia circolare, e poi di Crush, Remake e Refit , le carte ecologiche innovative prodotte a partire da materiali di recupero rispettivamente dell’industria agro-alimentare, della pelletteria e del tessile.
E, a completare il bouquet, infine, le carte Tree Free, con 75% di bambù e il 25% di cotone, e Shiro Echo, con il 100% di fibre riciclate.

Carte credibilmente prodotte a impatto zero (inclusa la CO2 )

La produzione a ciclo continuo delle carte Favini è alimentata da energia elettrica da fonte rinnovabile certificata e, quando proprio non è possibile fare diversamente, le emissioni di gas climalteranti, CO2 &co., sono immediatamente compensate.

Del resto, da molti anni ormai anche nelle cartiere Favini il processo produttivo è costantemente migliorato per ridurre i consumi idrici, energetici e le emissioni https://www.favini.com/sustainability-channel/.

Così, gli standard di qualità, sicurezza e ambientali ed energetici delle carte Paper From Our Echosystem sono ottenuti attraverso processi di gestione aziendale certificati EMAS, ISO 14001, ISO 9001, ISO 45001 - FSC™ e Ekoenergia da enti terzi secondo rigide linee guida internazionali. https://www.favini.com/su-di-noi/certificazioni/

Carte che creano un nuovo inizio

Le carte firmate Paper From Our Echosystem sono biodegradabili e riciclabili, perché sono a monte certificate CW, FSC o FSC Recycled. Il che vuol dire che una volta avviate al riciclo troveranno nuovi usi subito e senza interventi per “depurarle”, che inevitabilmente peggiorerebbero l’impronta ecologica complessiva delle carte. Un plus, questo è certo.


Paper From Our Echosystem, una lezione

Un prodotto non è sostenibile per solo le sue qualità tecniche o funzionali ma anche e soprattutto per il "come" e per il "chi" lo produce.
Più volte in questi anni questo concetto è stato ribadito sulle pagine di MadeinGaia ed oggi incomincia ad essere accettato ed incoraggiato anche tra i fornitori industriali di semilavorati per i prodotti di consumo.
Come inevitabilmente accade già anche per i fornitori dell’industria dell’auto impegnati nel passaggio alla produzione "carbon neutral" dei nuovi modelli in programma, 
anche Favini ha deciso incoraggiare con la sua etichetta Paper From Our Echosystem il mercato dei suoi potenziali acquirenti a scoprire quello che c’è dietro le sue carte più a basso impatto.

Potrebbe mai farlo chi fa solo greenwashing? 



Testi di Paolo Falcone | Editor, per MadeinGaia
 

Note e fonti

Per una definizione di up-cycling vedi http://www.virtuousitaly.it/?os_focus=lupcycling-un-processo-creativo-ed-ecologico-per-dare-nuova-vita-ai-prodotti; vedi anche McDonough, William e Braungart, Michael, Dalla culla alla culla. Come conciliare tutela dell'ambiente, equità sociale e sviluppo, Torino, Blu Edizioni, 2003, pp. 208. ISBN 9788887417722 e Sala, Serenella e Castellani, Valentina, Atlante dell'ecoinnovazione. Metodi, strumenti ed esperienze per l'innovazione, la competitività ambientale d'impresa e lo sviluppo sostenibile, Milano, FrancoAngeli, 2011, pp. 224. ISBN 9788856843712

Sulla certificazione Forest stewardship Council si veda https://it.fsc.org. In Favini Remake viene prodotta secondo questa certificazione e utilizzando energia elettrica da fonte rinnovabile http://www.favini.com/ambiente/materiali-alternativi/

Sulle certificazioni dei processi e di management di Favini: http://www.favini.com/ambiente/processo-di-produzione/

e-mail & MadeinGaia
Author: Paolo Falcone | EditorWebsite: https://madeingaia.it/it/madeingaia/in-contattoEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Grazie per aver seguito il filo delle parole e delle immagini di MadeinGaia fino alla fine di questa storia di scelte sostenibili!

MadeinGaia.it è nata da un’idea di Paolo Falcone.

Analista dell'organizzazione del lavoro e marketing operation manager, Paolo è editor di MadeinGaia. Del sito coordina i contenuti, cura la raccolta e la classificazione delle fonti, le interviste e, quando possibile, fornisce anche le proprie impressioni di prima mano sui prodotti sostenibili.

Le immagini sul sito sono in parte acquistate da siti specializzati e in parte realizzate da MadeinGaia.


Print Friendly, PDF & Email